Itinerario No. 21

Una gita con il gusto di altri tempi

Ponte Brolla - S. Anna - Dunzio - Avegno - Ponte Brolla

Punto di partenza

Ponte Brolla

Facilmente raggiungibile in auto o con le FART da Locarno

Periodo pi? indicato

Tutto l'anno ma in particolare autunno e primavera

Carte

1:25000 CNS 1312 Locarno

1:50000 CNS 276 V.Verzasca

ATSE

Basta aprire la cartina topografica 1:50'000 "Valle Maggia e Val Onsernone" per rendersi conto della vastit?del territorio e della molteplicit?di itinerari pedestri che solcano questa regione, da Ponte Brolla su su fino al Passo del Naret.

Nell’imbarazzo di tanta offerta, abbiamo scelto per cominciare un itinerario all’entrata della valle e che bene si presta ad esser percorso a fine autunno e anche in inverno, quando la neve si accontenta di scendere non oltre i 600 metri di quota.

I rustici di GroppSi parte da Ponte Brolla, raggiungibile in treno, in bus o in automobile. Il nostro itinerario inizia presso il Grotto America, situato ove sbocca il sentiero in provenienza dal vecchio ponte della ferrovia. Una stradina asfaltata conduce lungo la sponda destra della Maggia, passando ove il fiume forma ampie pozze, tanto gradite dai bagnanti in estate. Dopo una decina di minuti si abbandona la comoda strada asfaltata per salire a sinistra in direzione di Gropp (foto 1), idilliaco monte, diviso in due frazioni, ove sorge la Colonia di vacanze Vandoni, di propriet?della citt?di Locarno.

Da qui, dopo aver ammirato uno splendido gruppo di rustici, si sale in una vasta pineta per comodo sentiero ben marcato verso la Forcola. Il piccolo passo, raggiunto dopo circa venti minuti da Gropp, collega di fatto la Valle Maggia con le Terre di Pedemonte. Brusco il cambiamento di vegetazione: dalla scura pineta si entra in un bosco di castagni e betulle, molto pi?arioso. Pochi metri dopo il passo, un cartello indicatore segnala la possibilit?di salire verso sinistra alle "Rovine del Castelliere". Non solo per queste ultime (ben poco rimane di una roccaforte molto antica e di una probabile torre militare di avvistamento) ma anche per lo splendido panorama che vi si gode, consigliamo questa deviazione, che non dura pi?di un quarto d’ora.

Tornati al bivio, si continua in direzione ovest in leggera discesa verso un monte senza denominazione sulla carta topografica, per proseguire poi in un castagneto, con il sentiero che segue la corona di un muro costruito a suo Una "bisse" nostranatempo per il contenimento di un riale destinato ad alimentare i mulini di Verscio. Si lascia questa specie di "bisse" nostrana al punto ove questa incrocia il sentiero proveniente da Tegna (foto 2). Si segue quest’ultimo in leggera salita e si arriva, dopo circa un’ora di marcia complessiva, a quella splendida costruzione del 17.o secolo che ?l’Oratorio di S. Anna, posto a poco meno di 500 metri di quota. Dopo aver ammirato la chiesetta con il suo agile porticato e il panorama che si gode dal suo sagrato, si segue il sentiero che, pianeggiante, continua in direzione ovest fino a raggiungere, dopo pochi minuti, l’entrata della valletta del Ri’ di Riei.

Si piega qui nuovamente verso nord, risalendo la valle, passando su di un ponte in sasso recentemente ricostruito, per raggiungere la frazione di Streccia, punto pi?alto della nostra gita. Di fatto da qui si rientra in Valle Maggia, scendendo a Dunzio attraverso la frazione di Djula, ove si diparte il sentiero che porta a Capoli e Aurigeno.

La "Capela Bondietti" affrescata dal VanoniDunzio, raggiunto dopo circa due ore di marcia complessiva, ridente insediamento parzialmente abitato tutto l’anno, ?situato in una conca naturale della quale nessuno immaginerebbe l’esistenza senza esservi salito. Il monte, sul quale sorge una graziosa chiesetta, ?raggiungibile attraverso una strada carrozzabile che sale da Aurigeno, strada che noi seguiremo a ritroso fino a raggiungere la Forcola di Dunzio. Da quass? dopo aver ammirato qualche centinaio di metri prima da una sporgenza rocciosa il panorama della bassa Valle Maggia, il sentiero scende ripido verso Avegno. A cinque minuti di marcia si incontra una cappella votiva (Capela Bondietti, foto 3) affrescata da Giovan Antonio Vanoni (1810-1886). Chi vuole evitare la ripida discesa, pu?continuare lungo la strada fino ad Aurigeno, da dove ?possibile rientrare con i mezzi pubblici.

La spaccatura nella roccia detta "I cento passi"Attraversato, nella parte terminale del sentiero, una ripida spaccatura nella roccia denominata "I cento passi" (foto 4), si arriva alla piana di Torbeccio, in riva alla Maggia, ove sorge l’agile passerella che permette di raggiungere la sponda sinistra del fiume. Voltandoci a guardare l’erta parete di granito, usata dagli scalatori quale palestra di roccia, che separa Torbeccio dalla conca di Dunzio, ci si meraviglia del fatto che un sentiero la possa valicare.

La piazzetta di Avegno di fuoriSi segue per un breve tratto la strada cantonale e si arriva, dopo circa tre ore di marcia complessiva, ai Grotti di Avegno, ove ?possibile ristorarsi. Da qui lungo la vecchia strada che attraversa il ridente e ben conservato paese di Avegno, si sale verso Avegno di fuori (o "Terre di Fuori"). Questa frazione merita davvero una sosta per ammirarvi le costruzioni in sasso, tipiche della regione e la graziosa piazzetta (foto 5) nei pressi della chiesa. All’interno di questo nucleo, ove difficilmente entrano le automobili, sembra di ritornare indietro nei tempi.

All’uscita sud della frazione si prende il sentiero che, a circa 300 metri di quota, segue la sponda sinistra della valle in direzione di Ponte Brolla. Ridiscesi sulla cantonale nei pressi del vecchio ponte ferroviario, lo si attraversa e dopo aver ammirato lo splendido spettacolo delle gole scavate dal fiume nella roccia si ritorna al punto di partenza presso il grotto America, dopo circa quattro ore di marcia complessiva.

 
 

Torna alla pagina iniziale

(C)opyright 1997 by Sefra Webdesign. All rights reserved.

ray ban baratas nike cortez peuterey mujer christian louboutin madrid mbt zapatos gafas ray ban baratas mbt ofertas air max blancas mbt barcelona nike air max 90 woolrich barcelona nike mujer botas ugg gafas de sol carrera aratas air max 2016 baratas oakley baratas nike air max 2016

canada goose italiaa ugg saldi woolrich uomo woolrich parka woolrich outlet moncler uomo scarpe timberland ugg stivali stivali ugg moncler milano timberland shoes canada goose outlet timberland scarpe moncler outlet canada goose zug in nederland hvor kjøpe generisk cialis på nett i Norge
nike roshe run flyknit nike roshe run nike free 5.0 dame canada goose vest louis vuitton solbriller canada goose jakke herre nike free 5.0 jordan sko ghd fladjern belstaff jacket nike huarache nike air max 95 parajumpers jakke herre air max 95 oakley holbrook belstaff jakke air jordan sko parajumpers jakke parajumpers tilbud in nederland hvor kjøpe generisk cialis på nett i Norge